Wollongong è una cittadina affacciata sull’Oceano Pacifico a circa 90 km a sud di Sydney. E’ la città dove è cresciuto mio marito e dove vive la maggior parte della sua famiglia. Devo ammettere che non è stato amore a prima vista ma la sto riscoprendo man mano che passano gli anni. Da quando abbiamo Adriano infatti mi sto rendendo conto di quanto sia a misura di bambino e di quanto abbia da offrire.

La sua vicinanza con Sydney la rende la meta perfetta per una gita fuori porta in giornata o un weekend. La sua costa frastagliata è piena di calette e spiagge dalle acque calme ideali per i bambini e soprattutto poco affollate. A Wollongong però non ci sono solo spiagge, ma molti altri luoghi e attività interessanti per tutte le stagioni. Se non hai idea di quali siano i luoghi migliori da visitare a Wollongong con i bambini (e non solo), leggi questo articolo!

copertina articolo mamme downunder

Il nome Wollongong deriva dalla parola aborigena woolyungah, che significa “cinque isole”. Cinque isole perchè proprio davanti a Port Kembla ci sono cinque isolette, una riserva naturale chiamata Five Islands Natural Reserve.

Dal punto di vista naturalistico questa zona della South Coast è meravigliosa. Arrivando da Sydney si passa attraverso parchi nazionali come l’Heathcote National Park ed il Dharawal National Park dove ci si può avventurare sui sentieri boschivi per un bush walk in cerca delle cascate. Se vuoi deviare dall’autostrada per percorrere una strada più singolare puoi impostare nel navigatore il Sea Cliff Bridge. Un ponte staccato dalla scogliera che ti darà l’impressione di star guidando direttamente sull’acqua. Si può percorrere anche a piedi e lì vicino c’è anche un lookout per guardare la strada dall’alto.

Più ti avvicini a Wollongong e più troverai dei lookout da cui guardare l’intera città e la zona circostante.

L’unica nota negativa che deturpa un bel po’ il paesaggio è la mastodontica acciaieria che è lì fin dagli anni ’30, e in cui ha lavorato anche il nonno di mio marito, emigrato dall’Italia nel 1960. Anche l’acciaieria però fa parte delle cose imperdibili di Wollongong. Basta chiudere gli occhi per immaginare come si vivesse a quei tempi e cosa dovevano subire gli emigrati che arrivavano dall’Italia. Visitare Wollongong significa immergersi nella cultura australiana più autentica, quella dei wog, termine dispregiativo con cui venivano chiamati gli immigrati. Significa accettarla con i suoi pregi ma anche e sopratutto con i difetti ed imparare ad amarla ciononostante.

Per aiutarti a vederla con gli occhi dell’amore ho elencato quelle che sono per me le cose migliori da fare a Wollongong con i bambini e non solo.

spiaggia australiana
North Beach Wollongong

Scopri le tantissime attività da fare sul lungomare di Wollongong

A noi piace tantissimo il lungo mare di Wollongong: 2 km di passeggiata con vista oceano da Stuart Park al Faro più in basso (sì, Wollongong ha almeno 2 fari!). E’ una zona pedonale bellissima con una vista mozzafiato sul porticciolo e la spiaggia, dove i bambini possono sfrecciare in bicicletta o con il monopattino. Ci fa sentire più vicini all’Italia, dove d’estate è un must fare su e giù sul lungo mare con un gelato o in bicicletta.

E’ una passeggiata molto piacevole anche in inverno, in alternativa al nuoto se dovesse fare troppo freddo per entrare in acqua. 

Per avventurarti in questa esperienza ti consiglio di parcheggiare la macchina nei pressi di Stuart Park, su Cliff Road ed iniziare da lì l’esplorazione della zona. Ricordati di portare l’essenziale per nuotare in estate e una felpa in più in inverno, perchè potrebbe essere ventoso.

Camminando velocemente si impiegano più o meno 20 minuti a finire il percorso, ma ti consiglio di prendertela con calma e goderti non solo il paesaggio, ma le attività che questa zona offre.

Per iniziare fai tappa al playground di Stuart Park che è grande e adatto a tutte le età, ma poi concentrati sulla vera attrazione che è la Fairy Creek, un bacino d’acqua bassa e cristallina per nuotare in sicurezza e fare castelli di sabbia.

Tra la spiaggia e la strada c’è una distesa verde bellissima dove potersi fermare per un picnic all’ombra degli alberi. Ci sono infatti diverse postazioni bbq se hai intenzione di passare più tempo in questa area.

Alert attività per gli adulti: se sei amante degli sport estremi, non hai paura delle altezze e magari hai anche del tempo libero dai bambini, da lì puoi provare lo Sky Diving!

Se dopo il volo ti è venuta fame e non hai preparato il pranzo al sacco, puoi fermarti da Diggies, iconico cafè davanti alla spiaggia dove gustare un brunch e osservare i surfisti cavalcare le onde.

Vicino al Cafè trovi anche i servizi igienici e le docce, nel caso ne avessi bisogno.

La parte di spiaggia davanti a Diggies è anche quella che di solito è sorvegliata dai bagnini e dove quindi è sicuro fare il bagno con i più piccoli.

Proseguendo la passeggiata ti inoltrerai nella zona pedonale dove come dicevo puoi portare i bambini a pedalare in sicurezza. Non dimenticarti di portare lo scooter o la balance bike e il caschetto!

Un’altra attrazione da non perdere soprattutto in estate sono le Rock Pools, piscine di acqua di mare, libere dove tutti possono nuotare rimanendo protetti dalle onde. 

rock pools sul mare
Rock Pools Wollongong

Sono una caratteristica di molte località balneari australiane anche se a seconda della località in cui si trovano sono più o meno belle 🙂

Alla fine della passeggiata troverai il porticciolo dove si staglia il Breakwater Lighthouse, che è purtroppo in disuso. Fu commissionato nel 1872 ed è alto 12,8 metri. Fu smesso di usare quando venne costruito il nuovo faro sul promontorio negli anni ’30.

Dal porto partono i charter di pesca che i turisti possono affittare per dei tour. Mio fratello ci era andato accompagnato da mio papà e da mio marito quando aveva appena 12 anni e nonostante non amasse particolarmente la pesca si era divertito. Era stata un’ottima lezione per capire da dove viene il cibo e come procurarselo in maniera sostenibile. Esistono regolamentazioni molto severe per la pesca in vista della salvaguardia della fauna marina perciò se decidi di partecipare ascolta attentamente le istruzioni del pescatore.

Arrivata al porticciolo puoi o continuare fino al promontorio per vedere da vicino il faro più alto, oppure puoi rilassarti nel piccolo playground con un bel gelato. La gelateria è all’interno del North Beach Pavillion.

In fondo ti meriti un bel gelato visto che dovrai fare la strada al contrario per andare a riprendere la macchina 🙂 Buona camminata!

Continua a leggere per scoprire quali sono gli altri luoghi migliori da visitare a Wollongong con i bambini.

Vai alla scoperta della sostenibilità nell’orto urbano di Wollongong

A pochi minuti dal centro di Wollongong esiste un luogo segreto che ha fatto della sostenibilità il proprio porta bandiera. Si tratta della Fattoria Urbana di Green Connect Farm. Un luogo nascosto nel cuore di un sobborgo cittadino densamente popolato dove si ha incredibilmente la sensazione di essere in aperta campagna!

fattoria urbana una cosa fare a wollongong con i bambini
Urban Farm – Warrawong

Alle spalle della scuola statale di Warrawong, un suburb di Wollongong, vi erano circa 5 ettari di terreno in disuso che nel 2011 i ragazzi di Green Connect hanno preso in gestione e coltivato per offrire alla comunità prodotti a chilometro zero e biologici. La società no profit è cresciuta fino a diventare un’organizzazione specializzata nello zero waste, nell’agricoltura sostenibile e nel sociale.

Nella loro farm infatti lavorano ex rifugiati ai quali l’associazione ha trovato un impiego, studenti e volontari che vogliono fare un’esperienza formativa.

Perchè ti sto raccontando di questo progetto meraviglioso? Perchè per sostenersi i ragazzi che gestiscono la fattoria organizzano tours della Fattoria Urbana e workshops perfetti per avvicinare i bambini alla campagna, all’orto e alla sostenibilità.

Io ci ho portato Adriano a Dicembre e nonostante facesse molto caldo ci siamo divertiti tantissimo!

Nella fattoria ci sono anche tanti animali, come alpacas, maiali, capre e galline ai quali i bambini possono dare da mangiare. Durante il tour infatti camminerai per la fattoria con la tua guida che spiegherà le varie colture e racconterà come vengono accuditi gli animali.

bambino con le galline a Wollongong

Consiglio vivamente di indossare degli stivali di gomma perchè il terreno ha pendenze irregolari e può essere scivoloso e fangoso a causa delle piogge o dell’ irrigazione dei campi.

Gli ortaggi sono dei più variegati e anche particolari ed è sicuramente interessante ascoltarne la descrizione dalla contadina. Si ha inoltre la possibilità di ordinare una box con i prodotti freschi da portare a casa se si vive nella zona tra Kiama Heights e Austinmer.

Alla fine del tour si possono comunque acquistare i prodotti di loro produzione come le uova biologiche o il miele delle loro api, che ho assaggiato e devo dire che è delizioso!

ortaggi in un orto urbano a Wollongong
coltura nativa australiana

I tour vengono organizzati in date prestabilite con opzioni infrasettimanali o weekend e durano circa 90 minuti. Se vivi a Sydney e ti chiedi cosa fare con i bambini durante le vacanze scolastiche questa è un’ottima escursione da poter fare in giornata.

Il costo del biglietto è di $24 per un adulto, i bambini dai 4 ai 16 anni pagano $14 mentre gli under 3 hanno l’ingresso gratuito. Ci sono anche pacchetti family per risparmiare un pochino. In ogni caso trovi tutte le informazioni sul loro sito.

L’accesso alla fattoria è da Anna Avenue, Warrawong. Non farti ingannare dall’ingresso un po’ dubbio, perchè anche se può sembrare un viale privato scoprirai che percorrendolo si arriva ad un bel parcheggio per i visitatori.

Rilassati con un picnic tra i vigneti a Wollongong

Sai che a mezzora a sud di Wollongong puoi perderti tra i vigneti? E lo sai che esiste una winery dove puoi portare tutta la famiglia, il tuo picnic preparato a casa e goderti il panorama sulle vigne?

Si tratta della Crooked River Winery, una cellar door, ristorante e bar situato su un promontorio da dove si vedono da un lato il mare e dall’altro la valle verdissima fino al Barren Grounds National Park.

colline e vigneti  a Wollongong
Crooked River Wines

Per arrivarci si deve percorrere la Princess Highway in direzione sud e prendere l’uscita per Gerringong.

Una volta arrivati si entra dal lato del ristorante dove si può mangiare con vista sulle vigne. Il ristorante è un fine dining e forse non proprio kids friendly, MA sorpassato il ristorante ti ritrovi nell’area all’aperto dove si può tranquillamente sostare con il proprio picnic e sedersi sul prato o sui tavoli di legno.

In alternativa la cellar door vende un menù più veloce e semplice, dal quale si possono ordinare pizza o platter di formaggi e salumi da spizzicare mentre si sorseggia l’ottimo vino prodotto in loco.

Mentre i bambini scorrazzano su e giù per la collina, tu puoi dedicarti alla degustazione di vini o al relax seduta all’ombra del grandissimo albero o dondolando sulla bellissima altalena bianca!

Io di solito mi spiaggio sul mio telo da picnic e assaporato lentamente ogni singolo boccone del tagliere con i formaggi 😀

Essendo immerso nel verde ed avendo moltissimo spazio a disposizione vedrai che i bambini non si annoieranno, anzi troveranno il modo di divertirsi.

Accanto al parcheggio inoltre ci sono degli animali da andare a visitare e a cui dar da mangiare, tra cui galline e caprette!

bambino con le galline a Wollongong

Vale la pena monitorare il sito di Crooked River Wines perchè ogni tanto organizzano eventi come dei tour dell’azienda dove mostrano tutto il processo dall’uva alla bottiglia.

Pronta per scoprire l’ultimo posto migliore da visitare a Wollongong con i bambini?

Visita il Tempio Buddista più grande dell’emisfero sud

Ti sembrerà di essere approdata in Cina e invece sei ancora in Australia, per giunta in una comunità di poche anime, Berkley, nella circoscrizione di Wollongong.

Sei arrivata infatti al Nan Tien Temple, un tempio buddista talmente maestoso da essere stato a tutti gli effetti nominato il più grande dell’emisfero sud!

I lavori di costruzione furono condotti da un architetto australiano e terminati nel 1995. Il tempio occupa un’area di decine di ettari di terreno immersi nel verde e comprende due sale di preghiera, una sala da tè ed un ristorante (chiuso temporaneamente), un albergo (il Pilgrim Lodge), giardini giapponesi ed anche un istituto di studi universitari, il Nan Tien Institute of Higher Education.

tempio buddista panoramica
L’edificio principale addobbato per l’Anno del Maiale (2019)

Arrivata al tempio puoi parcheggiare la macchina e visitare per i primi i giardini giapponesi di fiori di loto che si trovano alla sinistra del tempio e poi entrare nel complesso principale dove c’è una scalinata spettacolare.

Una volta visitata quest’area puoi dirigerti verso la Pagoda Buddhista e infine raggiungere (con il fiatone) la cima dove troverai la Campana della Gratitudine.

Da qui si ammira un panorama mozzafiato. Immersi nella pace e nel silenzio circostante e circondati dai boschi si vedono le cime sia di Mt Kembla che di Mt Keira, i due monti alle spalle di Wollongong.

Quando arrivi in cima sono sicura che i bambini vorranno subito suonare l’enorme campana tibetana ma sarebbe molto interessante riuscire a trasformare questo momento di gioco in uno spunto di riflessione e condivisione.

Puoi chiedergli se sanno cosa è la gratitudine, magari fare degli esempi pratici e poi chiedere loro per cosa sono grati. Se pensi possa aiutarli puoi invitarli a scrivere o a disegnare i loro pensieri e poi suonare la campana una volta ciascuno. Se non riescono ad esprimersi non ha importanza. Digli tu per cosa sei grata e poi fate una bella corsa tutti insieme respirando a pieni polmoni. Ne varrà il viaggio 🙂

tempio buddista addobbato per il capodanno
Mia suocera durante il capodanno cinese del 2019

Nel complesso del tempio si tengono spesso esibizioni, mostre, workshop ed eventi collegati non solo alla spiritualità ma anche alla cultura cinese. Per questo è interessante portarci i bambini anche se a primo acchito possa sembrare solo un luogo di preghiera.

Assolutamente da non perdere è il Capodanno Cinese, quando tutto il tempio viene decorato e addobbato a festa con l’animale che rappresenta il nuovo anno.

Il bello di vivere in Australia è che ci si confronta spesso con tantissime culture diverse. Il Nan Tien Temple è certamente un luogo unico nel suo genere ed un’occasione preziosa per avvicinare i bambini alla spiritualità, alla meditazione e dove i genitori possono ritrovare l’equilibrio e la quiete interiore (almeno per 5 minuti!).

marito e moglie guardano le vigne

Eccoci arrivati alla fine! Spero che questi luoghi particolari ti abbiano incuriosita e che vorrai visitare Wollongong al più presto con la tua famiglia. Fammi sapere dove andrai nei commenti, sono curiosa!

Grazie per avermi letta fin qui! Ti ricordo che puoi seguire le mie avventure giornaliere e i miei piccoli consigli di viaggio anche su Instagram.

xx Sara

Chi mi ha scritto?

Sono Sara, mamma expat in Australia dal 2015.
Nel 2020 mi è venuta l'idea di costruire una community di mamme per supportarci durante i duri mesi di pandemia, scambiarci informazioni e stabilire nuove amicizie, così è nato Mamme Downunder.
Nella vita, oltre a formarmi per diventare una blogger a tutto tondo, organizzo tour enogastronomici in Italia per clienti Australiani.
Vivo a Brisbane con mio marito Ben (italo-australiano), nostro figlio Adriano e i nostri due cagnolini Vino & Otto.

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!